I 6 Stili Di Leadership: Tu Che Leader Sei?

leaderIl ruolo più determinante all'interno di un'azienda è quello del leader! Essere un buon leader non è semplice, perché bisogna sapere come comportarsi e quando intervenire in tutte le varie circostanze.
Ma quali sono i modelli comportamentali più efficaci? Quali leader raggiungono il successo?
Lo psicologo americano Daniel Goleman ha provato a rispondere a queste domande attraverso uno studio durato 3 anni. Il risultato del suo studio è un'analisi dei comportamenti specifici e del loro effetto sul clima aziendale... Scopriamo insieme quali sono le 6 tipologie di leader:

1 - Leader Visionario: "Vieni con me..."

Il Leader Visionario si impegna nel condividere i valori aziandali, la Mission e la Vision con il resto del team. Lavora giornalmente con lo scopo di creare un clima positivo e rilassato in modo tale da spronare i dipendenti per raggiungere l'obiettivo comune. Questo stile va adottato nelle fasi di start-up o quando si presenta un nuovo progetto al team.

  1. Condivide i valori aziendali con il team
  2. Crea un clima positivo
  3. Sprona i dipendenti

2 - Leader Coach: "Prova a far questo..."

Il leader coach cerca di aiutare i membri del team a identificare e raggiungere obiettivi personali che possano convergere con la mission aziendale. Si comporta da vero e proprio "consulente alla carriera", ascoltando le esigenze dei dipendenti, favorendo le loro inclinazioni e consigliandoli nelle scelte personali in ambiti quali la formazione e la specializzazione. Questo stile è particolarmente efficace per motivare un team composto da persone ambiziose che desiderano crescere professionalmente.

  1. Ascolta le esigenze del team
  2. Favorisce le naturali inclinazioni professionali dei dipendenti
  3. Motiva costantemente i singoli

3 - Leader Sociale o Affiliativo: "Le persone prima di tutto."

Il Leader Affiliativo intende raggiungere gli obiettivi attraverso l'armonia nel team, curando nei dettagli i rapporti sociali fra i vari membri. Si concentra sui bisogni individuali delle persone e propone la condivisione dei sentimenti. Questo stile di leadership pone la relazione al centro e favorisce la creazione di un team coeso e affiatato, va utilizzato nei momenti di stress, quando la squadra deve riprendersi da un trauma.

  1. Pone le relazioni sociali al centro
  2. E' attento alle esigenze individuali e propone la condivisione dei sentimenti
  3. Favorisce la creazione di un team affiatato

4 - Leader Democratico: "Cosa ne pensi?"

Costruisce i propri consensi creando un ambiente partecipativo. Tende a valorizzare l'apporto dei singoli coinvolgendoli nelle scelte aziendali e nelle decisioni più importanti, pertanto responsabilizza i membri del team che a loro volta si sentono importanti. E consigliabile adottare questo stile nella maggior parte dei casi, ma non nelle situazioni di emergenza, quando è indispensabile prendere una decisione in tempi rapidi.

  1. Crea un ambiente partecipativo
  2. Valorizza l'apporto dei singoli
  3. Responsabilizza i dipendenti

5 - Leader Esigente: "Fai come me!"

Il leader esigente è un fanatico del metodo e dell'autodisciplina. Ha grandi aspettative e pretende sempre il massimo, in genere tende a riconoscere e premiare l'eccellenza, ma allo stesso tempo enfatizza i limiti individuali favorendo la creazione di un clima di stress. Questo stile funziona meglio quando la squadra è già motivata ed ha bisogno di un leader competente per raggiungere risultati rapidi.

  1. Ha grandi aspettative e pretende il massimo
  2. Enfatizza i limiti individuali ma allo stesso tempo premia l'eccellenza
  3. Crea un clima di stress

6 - Leader Autoritario: "Fai come dico!"

Il leader autoritario impone una visione alla squadra, e si concentra esclusivamente sugli obiettivi finali. E' una persona autoritaria che impartisce ordini e non ammette repliche. Lo stile autoritario è tendenzialmente sconsigliato, se non in situazioni di forte emergenza o crisi. Questo stile non è efficace quando bisogna gestire un team di esperti, che nei rispettivi campi sono più competenti del leader stesso.
Al contrario è importante adottare questo stile nei casi in cui bisogna affrontare momenti di grave crisi all'interno del team.

  1. Impone ordini ed usa metodi coercitivi
  2. Non delega alcuna autorità
  3. Non accetta repliche

Quale modello adottare? Quale leadership è più efficace?

E quindi che tipo di leader bisogna essere per raggiungere buoni risultati aziendali?
Un buon leader è colui che riesce a creare una risonanza benefica che abbraccia e coinvolge tutti i membri del team. Gli stili "risonanti" sono quello "Visionario", "Coach", "Sociale" e "Democratico".
Tuttavia in alcune situazioni può essere determinante adottare anche i due stili "dissonanti".
Pertanto la risposta è che non esiste un modello più efficace ma bisogna saper alternare elasticamente il proprio approccio in funzione delle varie situazioni.

Lascia un commento